Pane semplice con pasta madre

5 Risposte

  1. Roberta ha detto:

    Ottimo davvero!
    Scrivo per farti i complimenti e ringraziarti, ma anche chiederti dove sbaglio, perché tirandolo fuori dal cestino e mettendolo sulla teglia invece di restare con la forma di pagnottella un po’ mi è “collassato”, cioé ha assunto forma e altezza da focaccione. Devo dire che l’alveolatura comunque era buona.

    • Patrizia Albrizio ha detto:

      Grazie mille per i complimenti! Sono contenta che ti sia piaciuto. Le motivazioni dello sgonfiamento potrebbero essere tante. Forse la farina che hai utilizzato assorbe meno acqua della mia. Quindi potresti provare inserendo nella ricetta un 10 g in meno di acqua e vedere come si comporta l’impasto. Oppure potrebbe essere troppo lievitato. Ti consiglio di fare la ‘prova dito’: cioè (non so se la conosci) fai con un dito una leggera pressione sul lato della pagnotta, se l’impronta torna subito indietro il pane deve lievitare ancora, se resta lì ha lievitato troppo, se torna lentamente indietro è pronto per essere infornato.
      Se ti sei trovata bene nel lavorare questo impasto, ti consiglio di dare un ulteriore giro di pieghe prima di metterlo in forma.
      Lo sgonfiamento potrebbe dipendere anche dal modo in cui lo metti in teglia. E’ sempre meglio toccare il pane il meno possibile proprio per evitare che i gas sviluppati dalla lievitazione fuoriescano. Quindi, se non hai una pala per il pane, puoi usare anche un tagliere o un piatto. Infarina la superficie del tagliere, rovescia la ciotola con il pane sul tagliere, fai i tagli e inforna. Spero che con questi consigli possa avere un risultato migliore!! Patrizia

      • Roberta ha detto:

        Grazie mille Patrizia! Procederò con la prova dito lasciando inalterate le dosi, prove empiriche innanzi tutto! Vale la pena fare molte prove perché il pane è buonissimo, le bollicine ci sono ed è anche velocissimo da preparare!!!

  1. 25 febbraio 2015

    […] farina di segale, rovesciateci su l’impasto e fate un giro di pieghe di rinforzo come vedete qui. Rimettetelo in ciotola e, se volete cuocerlo il giorno dopo, mettetelo in frigo fino al mattino […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: